Marcianise: ai tempi del coronavirus ogni giorno aumentano liste e candidati per le comunali e regionali

Aspettando che gli interessi divergenti delle regioni e dei partiti della maggioranza trovino una sintesi sulla data  delle elezioni, personalmente propendo per gli inizi di settembre perché i ragazzi  non possono più perdere un solo giorno di scuola, in città la politica è in fermento e sono iniziate le grandi manovre in vista delle prossime consultazioni regionali e  amministrative. Si moltiplicano gli incontri più o meno ufficiali, si stringono accordi sopra e sotto il banco e quotidianamente aumentano i candidati sia al consiglio regionale che comunale. Al momento, facendo un computo sommario, tra conferme e indiscrezioni ci sono 5 candidati alle regionali, altrettanti, se non qualcuno in più alla carica di primo cittadino ed una ventina di liste. C’è indubbiamente una grande di voglia di partecipazione, di dar il proprio contributo in un momento difficile per ognuno di noi,  di segnare una svolta per la regione e il comune. La stragrande maggioranza della classe politica locale, sa che nell’attuale sfacelo socio-economico non possono trovare  posto la mera occupazione di potere e gli  interessi personali, ragione per cui  vuole unicamente lavorare per il bene comune. Propositi  e fini  sicuramente meritori e condivisibili, invece, destano qualche perplessità le modalità. Ho l’impressione che le trattative in corso e  gli sforzi di buon parte dei  partiti, dei movimenti politici e dei personaggi più influenti in termini elettorali siano più protesi a scongiurare la vittoria di Tizio o Caio, piuttosto che a elaborare un progetto innovativo, serio e credibile per la città, supportato da alleanze organiche che allontanino lo spettro di un quinto commissariamento. Spero di sbagliarmi. “Ai posteri l’ardua sentenza” diceva il buon Manzoni.

Un commento su “Marcianise: ai tempi del coronavirus ogni giorno aumentano liste e candidati per le comunali e regionali”

  1. infatti la scelta tecnica dei tanti “allenatori” cade irrimediabilmente sul catenaccio, tanto caro a Nereo Rocco, con abbondanza di “(battitori) liberi” bravissimi nell’arte della scivolata col piede a martello…….

I commenti sono chiusi.