“LA MARCIANISE CHE VORREI”: ANTONIO NUNZIANTE PENSA AD UNA CITTA’ FRUIBILE PER BAMBINI, GIOVANI, DISABILI E FAMIGLIE

Caro Michele ti scrivo due concetti che esprimono il mio pensiero di città.
Mi piace partire da un modello di città fruibile in termini di  accessibilità e vivibilità.
Attuare un’idea di città fruibile per Marcianise, significa ripensare in modo rinnovato il tessuto urbano,
partendo dalla viabilità, introducendo un nuovo modo di mobilità. La limitazione degli spostamenti che tutti
abbiamo dovuto sperimentare, nel lungo periodo di lock down, ci ha dimostrato che un altro modo di
intendere la mobilità è possibile. Questo, però,  presuppone che venga pensato un nuovo modo di fruizione
della città, attraverso la riappropriazione e l’incremento degli spazi pubblici, di una effettiva e concreta
mobilità pubblica che riduca l’utilizzo di mezzi privati. Marcianise ha già speso tanto in termini di privazione
di aree destinate, senza una coerente pianificazione, a insediamenti, da quelli produttivi a quelli abitativi. È
necessario ripartire da una pianificazione consapevole delle condizioni che limitano una effettiva fruibilità
della città. E quando si parla di fruibilità, mi riferisco ad una misura della città che sia accessibile a tutti
(bambini, giovani famiglie, disabili) e vivibile per tutti.
Un buon governo locale dovrebbe, a mio avviso, muovere da queste primarie esigenze per sviluppare un’ idea
di territorio nuova, attuabile pure in medio lungo termine, che dia a Marcianise quello che è presente in altri
contesti non molto lontani dal nostro e non molto diversi per  storia e conformazione territoriale e urbanistica.

 

ANTONIO NUNZIANTE

 

 

Inviatemi i vostri propositi alla sezione La tua voce per Marcianise del mio blog  www.micheleraucci.it
P. S: Patti chiari amicizia lunga: no tassativo ad offese, polemiche, autocelebrazioni e proclami dal sapore squisitamente elettorale, saranno automaticamente cestinati.

Un commento su ““LA MARCIANISE CHE VORREI”: ANTONIO NUNZIANTE PENSA AD UNA CITTA’ FRUIBILE PER BAMBINI, GIOVANI, DISABILI E FAMIGLIE”

  1. Sono d’accordo per una città fruibile ed ecosostenibile.. Non basta solo dire, bisogna illustrare con grafici e quant’altro come, dove e che cosa realizzare…
    Altrimenti sono solo inutili chiacchiere…

I commenti sono chiusi.