“Lo dico una volta poi non ne parlo più: mi sento neutrale se stringo la mano a tutti, non se la rifiuto a tutti; se dialogo con tutti, non se li evito; fino a prova contraria, non penso che la politica sia una cosa sporca e non la rifuggo; per usare una espressione coniata per ben altri problemi, mi sento equivicino piuttosto che equidistante dalla vita della repubblica; se un partito, così come un sindacato, una associazione mi invita, io vado; se c’è da fare del bene alla reggia e a caserta, io vado”.

Dal profilo facebook di Mauro Felicori

Sabato mattina a Caserta, al Belvedere di San Leucio Matteo Renzi chiuderà la campagna elettorale per le primarie con accanto oltre che Franceschini e il sindaco Carlo Marino anche il direttore della Reggia Mauro Felicori. Sull’ appuntamento,  i parlamentari ed i rappresentanti dell’area Orlando ossia Sgambato, Rossi Doria, Capacchione, Carocci, Rocchi, D’Ottavio, Di Lello, Lacquaniti e Malisani avevano espresso una dura critica:”Crediamo sia grave che si utilizzi un tema significativo e importante come il rilancio dei beni culturali nel Mezzogiorno per un’iniziativa esclusivamente elettorale invitando non solo Dario Franceschini, cosa che sarebbe anche legittima visto che il Ministro sostiene convintamente la mozione Renzi, ma anche il direttore della Reggia che è, invece, un funzionario pubblico che dovrebbe essere al di fuori dell’agone politico e che, soprattutto, non dovrebbe prestarsi a nessuna iniziativa a sostegno di un candidato piuttosto che di un altro”.