asteroide2-anteprima-600x386-593499Se avete qualcosa in sospeso che ha a che fare con l’amore o con qualche affare, sogno o desiderio particolare, sbrigatevi perché la fine del mondo è vicina. A dare il funesto annuncio, non è chi vi scrive, che nella vita tutto ha fatto tranne lo iettatore o il profeta, ma l’autonominatosi reverendo Efrain Rodriquez. Questo signore afferma che sarebbe stato direttamente Dio a comunicargli che tra il 22 e 28 settembre di quest’anno, un asteroide cadrà nei pressi di Portorico provocando maremoti, terremoti e distruzioni. La Nasa ha subito smentito tale catastrofica previsione, giudicandola del tutto infondata, ma il santone non ne vuol sapere e precisa che il catclisma si abbatterà sulla costa orientale degli Stati Uniti, il Messico, l’America Centrale e Meridionale per cui l’ente spaziale americano farebbe bene a diffondere un adeguato comunicato e a  evacuare la gente di questi posti. Rodiquez, dunque, non fa marcia indietro anche se non predice più la fine di tutto il mondo, ma di una parte del continente americano. Dovremmo quanto meno ringraziarlo! Per quanto sia del tutto strampalata la previsione del reverendo, le sue affermazioni hanno fatto il giro del mondo sui social per l’immensa gioia di paranoici e complottisti. Dal canto suo la Nasa anche difronte al clamore suscitato, non arretra di un centimetro dalle sue posizioni basate su studi, rilevazioni scientifiche ed un suo portavoce annuncia che “ l’ente spaziale americano non conosce asteroide o cometa che attualmente siano in rotta di collisione con la Terra, per cui la probabilità di un grande scontro è piuttosto piccola. In realtà, possiamo dire che nessun oggetto di grandi dimensione colpirà la Terra nei prossimi 100 anni. Piccoli oggetti entrano in collisione con il pianeta in continuazione- concludono gli scienziati- ma l’impatto e l’atmosfera li distruggono durante il loro percorso.” Per dirla nuda e cruda, si tratta dell’ennesima bufala pubblicata da imbecilli senza un briciolo di umanità con l’unico scopo di far parlare di sé, eppure a dir poco sconcerta che a crederci siano in tanti .
L’unica cosa vera di questa vicenda è che, come già è accaduto in passato, nei prossimi miliardi di anni la Terra potrebbe essere colpita da un asteroide di grosse dimensioni in grado di generare devastazioni e cambi climatici. Auguriamoci, però che per quella data, quando chi scrive e voi che leggete staremo altrove, l’uomo abbia già sviluppato le adeguate strumentazioni e mezzi di difesa validi.