Elezioni, Topo a Rione Marte: “Periferie abbandonate. Vengono qui solo per chiedere i voti”

“Le periferie sono state abbandonate e vengono prese in considerazione solo in campagna elettorale. Vedo candidati sindaci che hanno fatto parte delle precedenti amministrazioni venire qui a chiedere voti. La realtà è che sono stati loro ad amministrare e questo rione da 15 anni è sempre più abbandonato. Non si può venire qua a chiedere preferenze con i “noi faremo”. E’ una cosa vergognosa chiedervi il voto senza aver fatto nulla per questo Rione. Io fossi in loro mi vergognerei”. Lo ha dichiarato Filippo Topo, candidato sindaco di “Capodrise Futura”, nel corso dell’incontro con i cittadini del Rione Marte.
Un confronto, moderato dal candidato consigliere di ‘quartiere’ Pasquale Iadicicco, durante il quale Topo ha ribadito il suo impegno per le periferie che “devono tornare ad essere centrali nella futura azione amministrativa – ha dichiarato – Capodrise centro sembra un cantiere aperto mentre qui a Rione Marte non si vede nulla. Nemmeno in campagna elettorale hanno fatto qualcosa. Si è persa l’ennesima occasione. Io al rione Marte vengo spesso ed ogni volta vedo solo un degrado. La mia amministrazione metterà fine allo scempio in questo rione, dove la sicurezza e la vivibilità sono assenti – prosegue Topo – Lo faremo insieme ai cittadini. Vogliamo amministrare con voi in maniera limpida. La partecipazione della cittadinanza alla vita amministrativa per noi è un punto fondamentale. Al riguardo – come annunciato anche durante il comizio di sabato in piazza Giotto – Il consiglio comunale si terrà in tutti i quartieri proprio per coinvolgere i cittadini sulle scelte dell’amministrazione”.

Topo ha poi annunciato gli interventi per la riqualificazione del Rione Marte. “Dovremmo predisporre nuovi dossi idonei e migliorare quelli esistenti – ha dichiarato Topo – Predisporremo un sistema di video sorveglianza satellitare per la sicurezza  perché quello che c’è ora è insufficiente. Mi adopererò affinché sia allargato il sottopasso, valutandone con i tecnici la possibilità. Il rione Marte non deve essere una repubblica a parte, è un rione di Capodrise e lo sarà a tutto gli effetti”, conclude.

Comunicato

Capodrise, Belfiore al Rione Botteghe: “Anche nel centro storico hanno fallito”

CAPODRISE. «Sono stata a Botteghe». Lo annuncia Maria Belfiore, candidata a sindaco della lista Alleanza per Capodrise. «Un tempo – ricorda – questo rione era il cuore della città, animato dal piccolo commercio e dalle botteghe artigiane. Oggi, le serrande sono abbassate, i locali in affitto, le stradine deserte. Qui come altrove, la maggioranza Crescente-Negro ha miseramente fallito; eppure, dagli intonaci cadenti, dal basalto sconnesso trasudano la storia, la memoria e la dignità di un popolo». Anche per il Rione Botteghe, la leader di Alleanza ha progetti concreti da realizzare: «Il lavoro da fare – avverte – è enorme: da subito, bisognerà potenziare l’illuminazione e migliorare la viabilità, magari acquisendo un’area privata per realizzare un parcheggio e favorire le poche attività rimaste. Ma poi servirà un piano di recupero e di riqualificazione serio, con interventi sia urbanistici sia fiscali, che ripopoli il rione ed esalti le sue tradizioni, le sue vocazioni, la sua identità. È una sfida ambizione, è una sfida possibile», conclude Belfiore.

 

 

Comunicato

 

 

 

 

 

Dal palco dell’Area green, Belfiore: “Capodrise merita di più”

CAPODRISE. «La serata di ieri, 25 settembre, ha sancito una separazione. Da un lato, c’è chi considera “Capodrise una città triste” (Vincenzo Negro, al Rione Marte); dall’altro, chi, come noi, pensa che Capodrise desideri essere liberata dalla tristezza che la giunta Crescete-Negro ha calato sulla città». Così, Maria Belfiore, candidata a sindaco della lista Alleanza per Capodrise, il giorno dopo, commenta la conferenza-spettacolo “Pop Politik”, tenutasi nell’area green di via Vanvitelli, di fronte a una platea che cresce ad ogni evento. «Per governare bene – non si illude Belfiore – servirà lottare, sacrificarsi, crederci fino in fondo: ma bisognerà, innanzitutto, recuperare la dimensione popolare e collettiva dell’impegno civico. E con una buona dose di ottimismo e con il sorriso, ce la faremo: Capodrise merita di più!». Alla conferenza, moderata dallo speaker di Radio RTL Charlie Gnocchi e da Stefania Sparaco, sono intervenuti i 12 candidati della lista (Gaetano Argenziano, Maria Pia Caputo, Domenico Cecere, Pietro Di Bernardo, Filomena Letizia, Francesco Martone, Anna Negro, Nicola Petruolo, Giuseppe Piccolo, Emiliano Pontillo, Paola Pontillo ed Elena Riccardi); e ognuno ha illustrato aspetti specifici del programma di governo. La seconda parte della serata è stata, invece, dedicata alla musica, con due ospiti d’eccezione, Antonello Cuomo, il sosia ufficiale di Antonello Venditti; e Marcello Cirillo, volto notissimo della televisione. Nel pubblico, tra gli altri, anche la consigliera regionale Maria Luigia Iodice. Fino al 1 ottobre e dopo le elezioni, nell’Area green di via Vanvitelli continueranno a tenersi incontri, dibattiti, concerti e spettacoli. Lo spazio è aperto tutte le sere, sette giorni su sette, e può essere frequentato pure quando non ci sono eventi programmati.

comunicato