Girando per le vie di Marcianise, Capodrise e diversi comuni limitrofi, sia ai residenti che ai forestieri balza subito all’occhio un particolare non di poco conto per il decoro e la civiltà di una comunità: IMG_20150723_162729457mancanza di cestini pubblici per l’immondizia. Eccetto in alcune piazze e luoghi aggregativi dove tra l’altro si contano sulle dita di una mano, trovarsi qualcosa in tasca e volerlo buttare con educazione e civiltà diventa cosa alquanto faticosa così che sei costretto a tornare a casa con un certo carico di carta e altri rifiuti. Di chi la colpa? Non c’è dubbio che le amministrazioni comunali che si sono susseguite nel tempo avrebbero dovuto installarne qualcuno in più, ma anche noi cittadini dobbiamo fare mea culpa. Diciamocelo francamente ci viene l’orticaria a percepire come nostro qualsiasi bene pubblico, per cui siamo sempre meno propensi a custodirli o evitare che siano strumento di sfogo del vandalo di turno. Nonostante ciò, non dobbiamo arrenderci perché la civiltà costa lacrime e sangue, ma va sempre perseguita con ogni mezzo perché è riduzione della violenza, progresso, equilibrio sano dei valori. Ragion per cui posizioniamo cestini fissati al pavimento, attuiamo una campagna di informazione e sensibilizzazione sulla tutela dei beni pubblici, aumentiamo i controlli e le sanzioni, ma vinciamola una volta per tutte questa battaglia. Siamo comunità ricche di risorse, talenti , energie non diamola vinta a chi consapevolmente o meno, danneggia il nostro vivere quotidiano e l’immagine delle nostre città. All’installazione di altri cestini pubblici potrebbe, poi, seguire come effetto a catena, tutta una serie di interventi finalizzati alla tutela e a una maggiore decenza degli spazi urbani. Chiedo troppo, forse si, ma è da tempo che sogno dei posacenere nelle piazze e per le strade della città ove depositare i mozziconi di sigarette che sono tanto inquinanti e pericolosi per l’ambiente e per la salute quanto i rifiuti industriali IMG_20150723_162506953perché contengono diverse sostanze chimiche. Ed è sempre fantasia, svegliarsi un giorno e trovare contenitori delle pile nella maggior in tutte le farmacie e gli esercizi commerciali della città? Non credo, anzi sicuramente no.