[…A proposito di carnevale, abbiamo tenuto sempre stamattina una riunione operativa per mettere a fuoco le iniziative per il periodo a ridosso del 28 febbraio (una riunione a parte si è svolta a Spazio Corrosivo, a palazzo Grimaldi, poi trasformata in happening). Saranno diverse le manifestazioni e saranno tutte molto originali, grazie alle associazioni presenti sul territorio. Ci sarà anche la riproposizione del rito dei cosiddetti “dodici mesi”, tipico della nostra civiltà contadina. Non ci saranno i carri, non ci sarà alcuna sfilata di carri. Lo voglio precisare perché si sono diffuse in città voci sbagliate sull’argomento, voci probabilmente messe in giro dagli amici dei giostrai. L’autorizzazione alla sfilata dei carri non viene data dal sindaco ma dalle autorità di polizia e anche quest’anno i responsabili della pubblica sicurezza si sono detti contrari alle sfilate per motivi di ordine pubblico e per motivi di sicurezza. Ripeto: il sindaco non c’entra niente, assolutamente niente…]

Dal diario del sindaco