1Capodrise-“Alla vigilia di Ferragosto, leggo con un po’ di ritardo, la risposta del Sindaco ad un’interrogazione dei consiglieri del gruppo “Unione democratica” che, legittimamente, chiedevano conto della mancata partecipazione del comune di Capodrise a un bando regionale per il finanziamento di eventi finalizzati alla promozione turistica e culturale. Rimango stupita! Non è un bello stile rispondere a domande legittime utilizzando contumelie ed improperi di cattivo gusto. Il Sindaco era tenuto,doverosamente e semplicemente, a spiegare perché non ha ritenuto opportuno partecipare al bando. Tutto il resto appartiene alla gratuità di un costume politico che ha ormai fatto il suo tempo. Evidentemente il nervosismo del Sindaco si palesa soprattutto quando si tocca il tema dei Fondi Europei che rappresentano, per lui, a quanto pare, un neo indelebile. In effetti nella passata esperienza amministrativa la rinuncia ai Fondi Europei, a cui, invece, tutti i comuni hanno attinto, ha rappresentato un danno per la nostra comunità non facilmente archiviabile. Vorrei dare un consiglio al Sindaco, anche se so di ripetermi. Forse è il caso di licenziare i suoi attuali collaboratori. Il tipo di comunicazione che ha inaugurato sconfina sistematicamente nell’arroganza. Con questo profilo politico gli risulterà difficile durare un’intera consigliatura. Quando poi si arriva a sostenere che una richiesta di chiarimenti di un gruppo consiliare procuri un” Ingolfamento della macchina comunale” ogni commento risulta superfluo. Per non parlare del concetto “del rifugio dei sconfitti”! Ma da dove esce questo concetto? Chi l’ha inventato? Non a sproposito qualcuno ha associato le virtù democratiche di Crescente alle imprese ineffabili di Erdogan. Ad ogni modo buon Ferragosto!”
consigliere comunale

Roberta Argenziano