orlando-300x202Che non siamo tutti uguali, è una triste ma inconfutabile realtà con la quale, nolenti o volenti, bisogna fare i conti. Ogni giorno, nonostante il sacrificio, l’amore, l’abnegazione di tanti missionari e associazioni di volontariato, decine e decine di bambini continuano a morire per una semplice influenza o mancanza d’acqua, mentre nei paesi ricchi i loro coetanei hanno l’imbarazzo della scelta tra l’ultima merendina di questa o quella marca e non hanno dove dormire perché la camera da letto è sommersa di giocattoli.

Ogni giorno c’è il ragazzo col dramma della scelta tra l’ultimo modello d’auto decappottabile e il suo vicino di casa che non ha i soldi per acquistare i libri universitari. Ogni giorno c’è chi supera l’esame senza proferire parola, solo perché è figlio di Tizio o Caio, mentre il povero cristo senza santi in paradiso, sebbene abbia sgobbato per mesi interi sui libri, viene mandato a casa alla prima domanda.

Tutti lo sappiamo, nessuno ci può far nulla e allora non ci resta altro che accettarlo. In effetti, in tanti penseranno che Napoleon, il grosso maiale protagonista de “La fattoria degli animali”, aveva proprio ragione quando diceva che tutti “gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri”.

L’uguaglianza tra gli uomini, dunque,  appartiene solo al mondo dei sogni e tutte le battaglie, gli sforzi, le idee per abbattere le vergognose sperequazioni e differenze servono unicamente per darci la consolatoria illusione che un giorno il mondo cambierà. Vi confesso che personalmente non ne sono del tutto convinto, ma nello stesso tempo non posso barrare gli occhi per non guardare in faccia una realtà che ogni giorno procede a passo spedito verso una marcata, disumana, indegna diversità non solo in vita, ma addirittura anche al cospetto della morte.

L’altro giorno 49 ragazzi, con la sola “colpa” di essere attratti, frequentare, amare, persone dello stesso sesso sono stati barbaramente uccisi e il mondo non ha mostrato la stessa indignazione di altri episodi cruenti. Poche le reazioni di rabbia, di condanna e di solidarietà ai familiari delle vittime, alle comunità gay. Mi ha particolarmente colpito che diversi miei amici di straordinaria sensibilità e apertura mentale non sapessero addirittura nulla dell’accaduto. Il che, purtroppo, la dice lunga sull’ attenzione dell’opinione pubblica a questo drammatico evento.

Decine di pensieri affollano la mente e un turbinio di spiacevoli sensazioni dallo stomaco sale verso la gola. Sono tentato di sparare a zero contro l’ipocrisia e l’intolleranza del mondo attuale ma, mestamente conscio che sortirei effetti pressoché nulli, preferisco chiudere con la “A livella di Totò” per rammentare a tutti, poveri e ricchi, omo, bi e trisex che indipendentemente da ciò che si era in vita, col sopraggiungere della morte si diventa tutti uguali.

Ogn’anno,il due novembre,c’é l’usanza

per i defunti andare al Cimitero.

Ognuno ll’adda fà chesta crianza;

ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno,puntualmente,in questo giorno,

di questa triste e mesta ricorrenza,

anch’io ci vado,e con dei fiori adorno

il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

 

St’anno m’é capitato ‘navventura…

dopo di aver compiuto il triste omaggio.

Madonna! si ce penzo,e che paura!,

ma po’ facette un’anema e curaggio.

 

‘O fatto è chisto,statemi a sentire:

s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:

io,tomo tomo,stavo per uscire

buttando un occhio a qualche sepoltura.

 

“Qui dorme in pace il nobile marchese

signore di Rovigo e di Belluno

ardimentoso eroe di mille imprese

morto l’11 maggio del’31”

 

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…

…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;

tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:

cannele,cannelotte e sei lumine.

 

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore

nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,

abbandunata,senza manco un fiore;

pe’ segno,sulamente ‘na crucella.

 

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:

“Esposito Gennaro – netturbino”:

guardannola,che ppena me faceva

stu muorto senza manco nu lumino!

 

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…

chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!

Stu povero maronna s’aspettava

ca pur all’atu munno era pezzente?

 

Mentre fantasticavo stu penziero,

s’era ggià fatta quase mezanotte,

e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,

muorto ‘e paura…nnanze ‘e cannelotte.

 

Tutto a ‘nu tratto,che veco ‘a luntano?

Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…

Penzaje:stu fatto a me mme pare strano…

Stongo scetato…dormo,o è fantasia?

 

Ate che fantasia;era ‘o Marchese:

c’o’ tubbo,’a caramella e c’o’ pastrano;

chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;

tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

 

E chillo certamente è don Gennaro…

‘omuorto puveriello…’o scupatore.

‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:

so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

 

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,

quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,

s’avota e tomo tomo..calmo calmo,

dicette a don Gennaro:”Giovanotto!

 

Da Voi vorrei saper,vile carogna,

con quale ardire e come avete osato

di farvi seppellir,per mia vergogna,

accanto a me che sono blasonato!

 

La casta è casta e va,si,rispettata,

ma Voi perdeste il senso e la misura;

la Vostra salma andava,si,inumata;

ma seppellita nella spazzatura!

 

Ancora oltre sopportar non posso

la Vostra vicinanza puzzolente,

fa d’uopo,quindi,che cerchiate un fosso

tra i vostri pari,tra la vostra gente”

 

“Signor Marchese,nun è colpa mia,

i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;

mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,

i’ che putevo fa’ si ero muorto?

 

Si fosse vivo ve farrei cuntento,

pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse

e proprio mo,obbj’…’nd’a stu mumento

mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

 

“E cosa aspetti,oh turpe malcreato,

che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?

Se io non fossi stato un titolato

avrei già dato piglio alla violenza!”

 

“Famme vedé..-piglia sta violenza…

‘A verità,Marché,mme so’ scucciato

‘e te senti;e si perdo ‘a pacienza,

mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

 

Ma chi te cride d’essere…nu ddio?

Ccà dinto,’o vvuo capi,ca simmo eguale?…

…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;

ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.

 

“Lurido porco!…Come ti permetti

paragonarti a me ch’ebbi natali

illustri,nobilissimi e perfetti,

da fare invidia a Principi Reali?”.

 

“Tu qua’ Natale…Pasca e Ppifania!!!

T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella

che staje malato ancora e’ fantasia?…

‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.

 

‘Nu rre,’nu maggistrato,’nu grand’ommo,

trasenno stu canciello ha fatt’o punto

c’ha perzo tutto,’a vita e pure ‘o nomme:

tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

 

Perciò,stamme a ssenti…nun fa”o restivo,

suppuorteme vicino-che te ‘mporta?

Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:

nuje simmo serie…appartenimmo à morte!”