Caro Michele intervengo sul tuo blog per dire la mia a proposito del possibile insediamento sul territorio di Marcianise di un nuovo impianto per i rifiuti pericolosi e non pericolosi. Ci tengo innanzitutto a chiarire che con i modi e i toni utilizzati da Velardi di certo il livello della discussione politica non lo alziamo mai. Non voglio prendermela con lui, ma se per una volta l’opposizione aveva apertamente chiesto il suo intervento e si è perfino affidata a lui per la scongiura di questo pericolo, mi sembra davvero inopportuno che si utilizzi anche un’apertura come questa per continuare ad alimentare quel clima d’odio che il nostro sindaco ha creato in città. Si parla di maggiore senso civico a Marcianise, di una città che sta cambiando, ma io vedo tutt’altro: fratelli che litigano tra di loro, gente che ha paura di parlare con amici o conoscenti per non essere additati come appartenenti ad una fazione o l’altra, ragazzi che si sono allontanati sempre più dalla politica, il mondo delle associazioni storiche di Marcianise che non riesce a trovare sponde in questa amministrazione, addirittura qualche giorno fa è comparsa sul diario del sindaco la foto “splatter” di un’anziana signora che suo malgrado aveva solo bisogno d’aiuto. Certo non si può negare che dei cambiamenti in città ci sono stati, certo non radicali, ma a che prezzo? E comunque restano problematiche insolute come quelle del lavoro, delle politiche sociali, della mancanza di un ospedale che sia degno di questa città, di un distretto ASL messo in condizioni di lavorare. Non voglio dilungarmi, ma solo pregare ancora una volta il sindaco di fare meno chiacchiere e pettegolezzi e più interventi amministrativi volti nella direzione delle problematiche di cui sopra. Per quanto riguarda la questione di questo impianto per i rifiuti pericolosi, non solo il M5S di Marcianise è fermamente convinto che certe aziende non debbano più sorgere su questo territorio (né in nessun altra parte), ma si dichiara disponibile a collaborare col sindaco e con tutta l’amministrazione affinché si scongiuri questo pericolo. L’amministrazione ci deve solo dire come possiamo supportarli e noi saremo pronti a dare il nostro contributo.

Pasquale Guerriero

consigliere comunale Cinquestelle